Melone: proprietà nutritive e benefici salutistici

Il melone è un frutto dalle proprietà diuretiche, derivante dalla pianta Cucumis Melo, appartenente alla famiglia delle Cucurbitaceae

 

Si presume che sia originario dell'Asia, il quale attualmente è il primatista nella produzione di meloni a livello mondiale. La pianta del melone non si sviluppa in modo verticale, ma è caratterizzata da un fusto strisciante che richiama quello della zucca. 

 

L'ascesa del "frutto arancione" in Italia risale quasi sicuramente all'era cristiana come testimoniano alcuni dipinti ritrovati ad Ercolano. L'Europa risulta essere il secondo produttore a livello mondiale, da evidenziare anche il ruolo dell'Italia nella produzione di questo prelibato frutto. 

E' un frutto voluminoso, di forma ovale o tondeggiante, la buccia risulta essere liscia o appena rugosa ed il colore può variare da giallo pallido a tono del verde. La polpa può variare da tonalità bianche all'arancio, con una forte succosità ed un aroma pronunciato quando raggiunge il periodo di massima maturazione. 

Contiene  il 90 % di acqua, lo 0,8 % di proteine, lo 0,2 % di grassi, lo 0,9 % di fibre alimentari, il 7,8 di zuccheri, lo 0,6 % di ceneri e lo 0,03 % di amido

I minerali presenti al suo interno sono il potassio, il ferro, il fosforo, il calcio, il magnesio, lo zinco, il rame, il fluoro, il manganese ed il selenio. Da non sottovalutare il forte contenuto di vitamina Avitamina C, la vitamina B1, B2B3, B5, B6, la vitamina E, K, e J. Contiene inoltre alfa-carotene, beta-carotene, criptoxantina-beta, luteina e zeaxantina, sostanze caratterizzate da forti proprietà antiossidanti. 

 

I benefici salutistici rappresentativi del melone sono numerosi, vediamo i principali: 

  • Diuretico, dissetante e rinfrescante 
  • Radicali liberi: la presenza di vitamina A, C ed altre sostanze antiossidanti permettono di contrastare l'attività nociva dei radicali liberi. 
  • Circolazione sanguigna: l'alto tasso di potassio presente a livello della polpa può apportare effetti benefici sulla circolazione e sulla pressione arteriosa. Oltre al potassio è presente nel melone anche un'altra sostanza utile alla circolazione sanguigna, ovvero l'adenosina, capace di impedire la formazione di coaguli nel sangue svolgendo un'azione preventiva nei confronti di ictus, angina pectoris, infarto.
  • Protegge la vista: grazie alla presenza di vitamina A, il consumo di melone contribuisce a mantenere gli occhi in ottima salute svolgendo una azione preventiva nei confronti della degenerazione maculare, patologia riscontrabile principalmente in età avanzata. 
  • Dimagrante: l'alta percentuale di acqua all'interno del melone e la presenza di fibre alimentari fanno si che dopo il suo consumo sia presente un vero e proprio senso di sazietà in grado di far diminuire l'appetito. 
  • Depurativo: vitamine e minerali contribuiscono all'eventuale depurazione dell'organismo dalle impurità.
  • Sistema nervoso: la presenza di vitamina B6 conferisce al melone proprietà molto utili a livello del sistema nervoso, in particolari modo legate ai disturbi del sonno. 
  • Pelle secca: con la polpa del melone matura si possono preparare maschere di bellezza che aiutano ad idratare e a prevenire la secchezze e la comparsa di rughe.

 

Il melone è un frutto tipicamente estivo, motivo per il quale lo troviamo in vendita nel periodo che va da maggio a settembre. Si divide in due categorie principali: 

  • Retato: caratterizzato da una buccia pervasa da un intreccio di linee in rilievo e da una polpa giallo intenso caratterizzata da un particolare profumo. 
  • Cantalupo: melone dalla buccia liscia con la polpa leggermente più chiara. 

Per sopperire la mancanza del melone estivo, in inverno è possibile trovare un'ulteriore tipologia che giunge a maturazione proprio nel mese di Dicembre, caratterizzato da una polpa piuttosto biancastra

 

Approfittate del caldo estivo per acquistare e consumare questo incredibile frutto, capace di apportare molteplici benefici all'organismo. Buon appetito!

 

Tamion Jacopo

 

Fonte: mr-loto.it; wikipedia.it

 

Scrivi commento

Commenti: 0