Rivoluzione alimentare: cambiano le abitudini nutrizionali degli americani

L'amministrazione Obama schiera l'ennesimo jolly nella lotta contro l'obesità. Stando alle ultime informazioni, la Food and Drug Administration (Fda) ha tempestivamente annunciato il compimento di una vera e propria rivoluzione alimentare, rappresentata da una radicale riforma di politica nutrizionale.

 

Quest'ultima si pone lo scopo di cambiare le abitudini nutrizionali degli americani approvando una nuova dicitura che appare sul retro di alimenti e bevande confezionate, la quale elenca i grammi di zuccheri aggiunti e la percentuale massima giornaliera raccomandata. 

 

Una decisione che ha creato un'accesa discussione tra le aziende produttrici e i funzionari della sanità, nella quale i primi sostengono apertamente l'assenza di differenze tra gli zuccheri normalmente presenti in cibi e bevande e quelli aggiunti, mentre i secondi affermano come gli zuccheri aggiunti non possiedano alcun valore nutrizionale e non fanno altro che aumentare l'apporto calorico complessivo, favorendo l'obesità e il diabete

 

A causa di questo acceso dibattito, al momento le etichette hanno mostrato i valori massimi consigliati per quanto riguarda il consumo di grassi, sodio, colesterolo e carboidrati, ma non ancora per gli zuccheri

 

Nonostante piccoli passi falsi, la riforma si prospetta una delle innovazioni alimentari più importanti degli ultimi decenni, con la speranza che il messaggio venga colto da gran parte della cittadinanza americana

 

Fonte: ansa.it

Tamion Jacopo

 

Scrivi commento

Commenti: 0