L'Università di Padova suggerisce lombrichi per un buon Prosecco

Uno studio realizzato recentemente dall'Università di Padova ha dimostrato l'importanza dell'utilizzo dei lombrichi per fare un buon Prosecco

 

Il terroir perfetto per il vitigno utilizzato per il prosecco, Glera, è formato grazie all'azione di una specie di lombrichi battezzata con l'acronimo Crodabepis, denominazione che riprende il nome di alcuni studiosi della biologia del suolo

 

I Crodabepis sono dei grossi vermi variopinti a bande carnicino purpuree appartenenti alla categoria degli scavatori. Il responsabile dello studio, Maurizio Paoletti, ha più volte spiegato come questi lombrichi sono capaci di creare delle gallerie nel terreno, venendo in superficie solo ed esclusivamente per nutrirsi prevalentemente di lattiera in fase di decomposizione

 

Questi lombrichi scavatori hanno modellato e modellano tutt'ora la struttura dei suoli grazie ad uno stretto legame con funghi e batteri modulando così il loro equilibrio e governando il comportamento e l'azione dei funghi patogeni, i quali sono altamente nocivi per le le coltivazioni. 

 

Questo studio ha lanciato dei veri e propri programmi di difesa dei lombrichi, in particolari modo contro alcune tecniche diffuse nella viticoltura capaci di causare dei e veri e propri danni a quest'ultimi. Tra queste troviamo l'eccessivo calpestamento del suolol'impiego di erbicidi dissecanti e soprattutto l'uso di fungicidi!

 

Fonti: Ansa.it

Tamion Jacopo

 

Scrivi commento

Commenti: 0