Gli scarti degli agrumi riutilizzati in diversi settori

Una ricerca condotta dall'Università di Catania ha permesso di ridare importanza ai residui della spremitura degli agrumi

 

Le nuove tecnologie, infatti, sono riuscire a rendere utilizzabile il cosiddetto "pastazzo", un insieme di semi, bucce e polpa, diventato da rifiuto ad una grande risorsa economica. 

 

 

Grazie ai fondi stanziati nella legge di Stabilità 2014, il gruppo di ricercatori ha compreso come trasformare gli scarti provenienti dagli agrumi e utilizzarli in brioche dietetiche, bevante naturali, ma addirittura tessuti e fertilizzanti. Con l'approvazione ricevuta dal senatore siciliano Giuseppe Compagnone, del gruppo Alleanza Liberalpopolare-Autonomie, il pastazzo è stato rimosso dall'elenco dei rifiuti. 

 

Secondo il senatore siciliano, questo è un chiaro esempio di come il riutilizzo dei rifiuti possa portare grandi vantaggi economici, plasmando un rilevante costo economico in una grande risorsa, capace di portare sempre più risparmi in un'ottica di energia pulita. I dati riguardanti la produzione di scarti di agrumi sono davvero impressionanti: l'industria agrumicola produce oltre 700 mila tonnellate di scarti, 340 mila sono in Sicilia. I costi di smaltimento per la filiera sono di circa 30 euro alla tonnellata che ricadono interamente sui produttori, fattore che ha dell'incredibile vista la capacità di riutilizzo di questi eventuali scarti. 

 

Le industrie ad adoperare questa nuova scoperta tecnologica sono molteplici, a partire da un industria alimentare e di produzione di bibite, fino ad una società che dal pastazzo è riuscita a ricavare una vera e propria fibra tessile. Il coordinatore del progetto ha spiegato come alcuni ricercatori stanno lavorando per creare nuovi prodotti dalle fibre di arance

 

Un progetto dalle grandi ambizioni e possibilità visto il concreto sostegno economico in grado di apportare alle industrie di trasformazione di agrumi, non trascurando gli ottimi risultati riguardanti la tutela ambientale!

 

Fonti: ansa.it

Tamion Jacopo

Scrivi commento

Commenti: 0