Coop rimuove dai propri scaffali oltre 200 prodotti contenenti olio di Palma

In seguito alla pubblicazione negli ultimi giorni di un dossier dell'EFSA affermante che nell'olio di palma potrebbero essere presenti alcuni composti contaminanti che determinerebbero una necessità di limitarne il consumo da parte di bambini e adolescenti, il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin ha chiesto al Commissario Europeo per la salute e la sicurezza alimentare Vytenis Andriukaitis di avviare una verifica urgente ed approfondita per porre chiarezza sul dibattito.

 

A conseguenza di ciò, Coop, che da sempre ha fatto del principio di precauzione una vera e propria etica manovrante sua ogni azione interna, ha deciso di sospendere la produzione dei prodotti a proprio marchio contenenti olio di palma. A dichiararlo è stato Marco Pedroni, presidente di Coop Italia, partecipando all'incontro "filiera tutta italiana per la qualità", affermazione seguita successivamente da un comunicato del 6 maggio pubblicato proprio sul sito della cooperativa.

 

 

Il sopraccitato comunicato informa inoltre che Coop accelererà il processo di sostituzione dell'olio di palma per questi prodotti, privilegiando l'impiego di olio extravergine di oliva o olii monosemi e ricorrendo a ricette e formulazioni nutrizionalmente più equilibrate.

Successivamente alla recente rimozione dell'olio di palma dagli ingredienti della crema spalmabile "Solidal" e di alcuni prodotti delle linee "Crescendo", "Club 4-10" e "Viviverde", il grasso vegetale sarà rimosso da alti 120 prodotti. Per questo, il totale degli alimenti a marchio Coop sostituiti dagli scaffali ammonterà a più di 200.

 

Ancora una volta questa cooperativa attua una strategia interna volta alla salvaguardia del benesseree dell'interesse dei propri soci e consumatori.

 

Bellatore Marco

 

Fonti: ansa.it, coop.it

Scrivi commento

Commenti: 0