L'Amaro Ulrich tornerà a stimolare il palato di tutti i suoi amanti

L'antica ricetta del celebre Amaro Ulrich verrà rispolverata e riutilizzata per la sua produzione, dopo anni di pausa. Era infatti il 1854 quando il botanico Domenico Ulrich fondò l'omonima azienda, specializzata nella produzione del Vermouth, e poi successivamente produttrice di un Amaro prodotto con diverse erbe coltivate nelle regioni del Piemonte. 

Dopo anni di pausa della produzione, nel 2007 il marchio è stato rilevato dalla Paladin Pharma, casa farmaceutica che nel dicembre scorso ha raggiunto l'accordo con la Distilleria Marolo, della zona dell'albese, per tornare a far vivere questo prezioso prodotto piemontese. 

 

"Erano anni che desideravamo cimentarci nella produzione di un amaro", racconta Lorenzo Marolo. "Il nostro desiderio era quello di recuperare l'antica vocazione piemontese all'arte dei liquori per confezionare un prodotto unico, in linea con la nostra filosofia: innovatori nel solco della tradizione. Quando abbiamo incontrato la volonta di recuperare il marchio da parte di Marco Nanni e Simone Marchiori, CEO e CFO di Paladin Pharma, abbiamo cominciato a studiare una ricetta per portarla agli antichi splendori".

 

L'Amaro Ulrich verrà prodotto ad Alba dalla sopraccitata Distilleria Marolo, riconosciuta per l'elevata qualità dei suoi prodotti, curati in ogni piccolo dettaglio. Essa si porrà l'obbiettivo di distribuirlo a livello nazionale ed internazionale attraverso i canali Ho.re.ca, dove l'azienda è già presente da anni con i suoi prodotti. Le prime bottiglie di amaro entreranno in commercio dall'estate 2016.

 

Bellatore Marco

 

Fonti: ansa.it, targatocn.it

 


Scrivi commento

Commenti: 0